de  it  en

Chi era Max Valier »

Investimenti

succ.media impresa »


Il trasferimento o l'acquisizione del lavoro di una vita è un processo delicato e rischioso. Oltre agli aspetti personali e monetari, consideriamo attentamente il potenziale di sviluppo a lungo termine. L'ulteriore sviluppo, l'internazionalizzazione, la modernizzazione (Industria 4.0), la promozione delle innovazioni e delle nuove tecnologie e la penetrazione di nuovi mercati sono tra le nostre priorità principali. I nostri investimenti si basano su criteri dettagliati che sono correlati alla nostra competenza ed esperienza.

Spin-off di gruppo »


Nel corso dello spin-off di unità di business o sedi da gruppi aziendali, ci vediamo come Max Valier Holding, ci vediamo come un partner a lungo termine per il gruppo e offriamo all'unità scorporata una nuova casa. Il nostro team ha l'esperienza per implementare transazioni complesse e di vasta portata. L'ulteriore sviluppo, l'internazionalizzazione, la modernizzazione (Industria 4.0), la promozione di innovazioni e nuove tecnologie e la penetrazione di nuovi mercati sono tra i nostri obiettivi principali. Basiamo i nostri investimenti su criteri dettagliati che sono correlati alle nostre competenze ed esperienze.

Managmement Buy Out/In»


Come Max Valier Holding, offriamo soluzioni per manager esperti che cercano un finanziamento e uno sparring partner dal settore della gestione nel contesto della vendita di un'azienda o di un ramo d'azienda. Inoltre, offriamo una vasta rete di top manager, esperti e consulenti M&A che supportano ulteriormente il successo del processo di successione. L'ulteriore sviluppo, l'internazionalizzazione, la modernizzazione (Industria 4.0), la promozione di innovazioni e nuove tecnologie e la penetrazione di nuovi mercati sono tra le nostre priorità principali. I nostri investimenti si basano su criteri dettagliati che sono correlati alle nostre competenze ed esperienze.

Focus

Processo

La Max Valier Holding non gestisce il denaro di altre persone e non è quindi vincolata da alcun termine prestabilito per una potenziale uscita. Crediamo che il modo migliore per massimizzare il valore dei nostri investimenti sia quello di posizionare ogni azienda con una strategia di crescita individuale che noi stessi progettiamo e implementiamo attivamente. Ci concentriamo sul successo sostenibile e a lungo termine piuttosto che sui guadagni finanziari a breve termine.

Fase 1

Individuazione del 
target 

Fase 2

Prima analisi e decisione sulla squadra e l'approccio (1 settimana)

Fase 3

Analisi dettagliata e sviluppo di un modello di decisione
(2-4 settimane) 

Fase 4

Due diligence e accordo di acquisto (1-3 mesi)

Fase 5

Attuazione della strategia di crescita

Team

Dipl.Inf. Hannes Mahlknecht
Partner & Strategic Manager

Imprenditore e top manager nell'industria automobilistica, elettronica e delle costruzioni e nell'ingegneria del software

Dipl.Ing. Rüdiger Nitz
Partner & Technology Manager

Imprenditore in ingegneria elettrotecnica,
Elettronica e Software, Esperto Certificato ed Esperto in Industria 4.0

Dipl.-Wirt.-Ing. Oliver Apelt
Partner & Operation Manager

Imprenditore e top manager nei settori dell'impiantistica, costruzione di veicoli, commercio di energia, servizi, commercio e ingegneria/consulenza 

Dipl.-Ing. (FH) Jakob Hess
Senior Manager & Sales Expert

Imprenditore, top manager ed esperto nel campo dell'ingegneria meccanica e impiantistica, laureato in ingegneria aerospaziale

Ing. Thomas Aichner
Senior Manager & Lean Expert

Imprenditore, top manager ed esperto di lean & automation nel campo delle costruzioni in legno, dell'automotive, della meccanica e dell'impiantistica

Contatto

Max Valier gilt als bedeutender Wegbereiter der Raketentechnik . Er besuchte das Franziskanergymnasium in Bozen und studierte an der Universität Innsbruck das Studium der Astronomie, Meteorologie, Mathematik und Physik. Der Astronom Valier entwickelte Raketenpläne und suchte unter schwierigen Umständen einen Finanzier für die Verwirklichung. Ende 1927 konnte er mit dem Autoindustriellen und Rennfahrer Fritz von Opel einen finanzkräftigen Förderer gewinnen. Ab 1928 entstand eine Reihe von Versuchsfahrzeugen. Angetrieben wurden diese von Pulverraketen, die Friedrich Wilhelm Sander lieferte. Valier sah die aus der Zusammenarbeit mit dem „schnellen Fritz“ entstandenen Raketenautos als eine erste Vorstufe für die Weltraumrakete.
Auf dem zugefrorenen Starnberger See gelang Valier 1929 mit dem Raketenschlitten RAK BOB ein Geschwindigkeitsrekord von über 400km/h. Im Januar 1930 führte er in dem Labor in den Berliner Heylandt-Werken erfolgreiche Versuche mit Flüssigtreibstoffen durch.
Am 17. Mai 1930 starb Max Valier durch eine Explosion während des Probelaufs eines neuartigen Triebwerks, mit welchem er für die Firma Shell Versuche mit Paraffin durchführte. Er gilt damit als erstes Todesopfer der Raumfahrt. Seine technischen Errungenschaften hielten jedoch Einzug in die moderne Raumfahrttechnik. 
Inspiriert durch den Innovations- und Pionier-Geist von Max Valier und darüber dass Technik über Generationen hinweg Träume und Wünsche erfüllen kann, wurde im Jahr 2020 die Max Valier Holding von den Unternehmern Hannes Mahlknecht (Dipl. Inf.) und Rüdiger Nitz (Dipl.Ing.) gegründet.

Max Valier è considerato un importante pioniere della tecnologia missilistica. Ha frequentato il liceo francescano di Bolzano e ha studiato astronomia, meteorologia, matematica e fisica all'Università di Innsbruck. Valier, un astronomo, ha sviluppato piani razziali e, in circostanze difficili, ha cercato un finanziatore per la loro realizzazione. Alla fine del 1927 riuscì a trovare uno sponsor finanziariamente forte nell'industriale automobilistico e pilota da corsa Fritz von Opel. A partire dal 1928 fu costruita una serie di veicoli sperimentali. Questi erano alimentati da razzi a polvere forniti da Friedrich Wilhelm Sander. Valier ha visto le auto a razzo risultanti dalla collaborazione con il "fast Fritz" come una prima fase preliminare per il razzo spaziale.
Nel 1929, Valier riuscì a stabilire un record di velocità di oltre 400 km/h sul lago ghiacciato di Starnberg con la slitta a razzo RAK BOB. Nel gennaio 1930 effettuò con successo dei test con propellenti liquidi nel laboratorio della Heylandt-Werke di Berlino.
Il 17 maggio 1930, Max Valier morì in un'esplosione durante la prova di un nuovo tipo di motore con il quale stava conducendo dei test con la paraffina per la Shell. Egli è quindi considerato la prima vittima del volo spaziale. Le sue conquiste tecniche, tuttavia, hanno trovato la loro strada nella moderna tecnologia spaziale.
Ispirata dallo spirito innovativo e pionieristico della Max Valier e dal fatto che la tecnologia può realizzare sogni e desideri nel corso delle generazioni, la Max Valier Holding è stata fondata nel 2020 dagli imprenditori Hannes Mahlknecht (Dipl. Inf.) e Rüdiger Nitz (Dipl. Ing.). 

Max Valier is considered an important pioneer of rocket technology. He attended the Franciscan grammar school in Bolzano and studied astronomy, meteorology, mathematics and physics at the University of Innsbruck. The astronomer Valier developed rocket plans and, under difficult circumstances, sought a financier for their realisation. At the end of 1927 he was able to find a financially strong sponsor in the car industrialist and racing driver Fritz von Opel. From 1928 onwards, a series of experimental vehicles was built. These were powered by powder rockets supplied by Friedrich Wilhelm Sander. Valier saw the rocket cars resulting from the collaboration with the "fast Fritz" as a first preliminary stage for the space rocket.
In 1929, Valier succeeded in setting a speed record of over 400km/h on the frozen Lake Starnberg with the RAK BOB rocket sled. In January 1930, he carried out successful tests with liquid propellants in the laboratory at the Heylandt-Werke in Berlin.
On 17 May 1930, Max Valier died in an explosion during the test run of a new type of engine with which he was carrying out tests with paraffin for the Shell company. He is thus considered the first fatality of space flight. His technical achievements, however, found their way into modern space technology.
Inspired by the innovative and pioneering spirit of Max Valier and the fact that technology can fulfil dreams and wishes for generations, the Max Valier Holding was founded in 2020 by the entrepreneurs Hannes Mahlknecht (Dipl. Inf.) and Rüdiger Nitz (Dipl.Ing.).